Adeguamento della procedura di controllo antidoping durante la pandemia COVID-19

Resta prioritaria la salute delle atlete e degli atleti, nonché del personale addetto al controllo. La procedura di controllo antidoping è stata aggiornata. Ulteriori misure di protezione sono state aggiunte e la stessa continuerà a essere adeguata all’andamento della pandemia, quindi alle misure indette dalle Autorità federali e cantonali.

Antidoping Svizzera richiama l’attenzione alle seguenti modifiche:

Immagine:
corona_6

Regolari test antigenici rapidi per il personale addetto al controllo

Il personale addetto al controllo si sottopone regolarmente a un test antigenico rapido prima delle missioni.

Immagine:
Corona-Massnahme 1

Informazioni sullo stato di salute

Prima di effettuare il controllo antidoping il personale addetto al controllo interroga le atlete e gli atleti e si informa sul loro stato di salute.

Immagine:
Corona-Massnahmen 2

Distanza 1.5 metri

Mantenere sempre una distanza di 1,5 metri dalle altre persone. Il prelievo ematico e il controllo visivo della minzione dell'urina sono motivi che giustificano una breve deroga dalla predetta disposizione.

Immagine:
corona_3b

Obbligo della mascherina

Il personale addetto al controllo deve indossare sempre una maschera protettiva FFP2. Durante il controllo antidoping l’uso della mascherina igienica è imperativo, sia per le atlete e gli atleti, sia per altre persone presenti al controllo (vengono offerte maschere protettive FFP2 e istruzioni per il loro uso).

Immagine:
Corona-Massnahme 4

Disinfezione

Il personale addetto al controllo antidoping, nonché le atlete e gli atleti, disinfettano più volte le mani conformemente alle istruzioni. Si rinuncia all’indossare di continuo i guanti. Il personale addetto al controllo antidoping disinfetta le superfici di lavoro e gli oggetti d'uso.

Immagine:
Corona-Massnahme 5

Materiale per il controllo

Il materiale per il controllo (kit ematico, kit urina, contenitore per la raccolta delle urine) va trattato come materiale sterile. Le atlete e gli atleti scelgono il kit, ma non lo toccano. Il personale addetto al controllo lo apre e lo consegna all'atleta.

È imperativo ottemperare agli adeguamenti e alle istruzioni del personale addetto al controllo. Eventuali infrazioni verranno sanzionate. Il disagio dovuto alla presenza del personale addetto al controllo antidoping nel proprio domicilio non è un valido motivo per rifiutare un controllo antidoping.

Notifica relativa alle infezioni

Qualora nei 10 giorni successivi al controllo antidoping l’atleta dovesse ammalarsi di COVID-19, dovrà informare tempestivamente la segreteria di Antidoping Svizzera.

Contatto