Lista del doping


La Lista delle sostanze e dei metodi proibiti (Lista del doping), disponibile in tedesco e francese, viene attualizzata ogni anno dall’agenzia mondiale antidoping AMA ed entra in vigore il 1° gennaio dell’anno corrente. La Lista è uno dei sei standard internazionali che i firmatari del codice AMA si sono impegnati a rispettare e viene applicata da tutte le federazioni internazionali, che hanno aderito al Codice.
 
Gli atleti hanno l’obbligo di accertarsi che la Lista del doping, cui si riferiscono, è quella valida e devono informarsi su eventuali prescrizioni speciali emanate dalla propria federazione.
 
Antidoping Svizzera pubblica annualmente, in lingua tedesca e francese, la Lista del doping adeguata alle normative svizzere. Può essere richiesta al segretariato di Antidoping Svizzera.
 
A integrazione della Lista del doping esiste una lista dei medicinali autorizzati in Svizzera per cui non è richiesta una ricetta per il trattamento di affezioni lievi. Si consiglia, prima di utilizzare medicinali, di consultare la pratica banca dati sui medicamenti Global DRO per evitare violazioni non intenzionali delle norme anti-doping.

Nuovo dal 2020: modifiche della Lista del doping

La Lista del doping 2020 (tedesco / francese) entrerà in vigore dal 1o gennaio 2020 e sostituirà tutte le precedenti versioni.

L’Agenzia mondiale antidoping (AMA) ha apportato soprattutto alcuni adeguamenti formali alla pregressa Lista del doping 2020 e ha aggiunto esempi di sostanze proibite o loro sinonimi. Tutte queste nuove sostanze erano già proibite precedentemente nel senso di «simile struttura chimica» o «simile effetto biologico». Un elenco completo di tutte le modifiche viene fornito dall’AMA.

In pratica significa che: tutte queste modifiche non hanno alcun impatto sullo status in materia di doping dei farmaci disponibili in Svizzera.

Una delle sezioni formalmente adattate per il la Lista del doping 2020 è la classe di cannabinoidi, sostanze proibiti in competizione. La modifica, tuttavia, non ha alcun effetto sullo status in materia del doping, cioè tutti i cannabinoidi naturali e sintetici rimangono proibiti. L'unica eccezione è la sostanza pura cannabidiolo (CBD).

Questo non significa che gli atleti possono consumare senza esitazione i prodotti CBD, poiché i prodotti CBD contengono anche una certa percentuale di tetraidrocannabinolo (THC), che è proibito nelle competizioni. Antidoping Svizzera mette quindi in guardia contro l'uso di prodotti della CBD: Avvertimento per i prodotti CBD