Procedimento disciplinare

Qualora il sospetto di violazione contro una delle 10 infrazioni specificate nello Statuto sul doping si confermasse, Antidoping Svizzera inoltrerà la domanda di apertura del procedimento disciplinare alla Camera disciplinare per i casi di doping.

Statuto sul doping di Swiss Olympic

Schema del procedimento disciplinare

Immagine:
disziplinar_IT

Il procedimento disciplinare, passo per passo

  1. La persona incolpata viene informata da Antidoping Svizzera della presumibile violazione delle norme antidoping (una copia viene inviata alla federazione nazionale). La persona interessata dovrebbe mantenere la calma. Per la complessità del procedimento si raccomanda di rivolgersi a un avvocato (a proprie spese).
  2. In caso di riscontro della positività (Articolo 2.1 del Statuto sul doping), la persona interessata ha il diritto di chiedere l’analisi del campione B e la trasmissione di una copia della documentazione del laboratorio, può altresì richiedere la sospensione provvisoria e inoltrare prove e una prima presa di posizione.
    Se il sospetto non riguarda un campione positivo, ma una violazione ai sensi degli articoli 2.2. a 2.10 dello Statuto sul doping, la persona può altresì richiedere la sospensione provvisoria e inoltrare prove e una prima presa di posizione.
  3. Qualora non riuscisse a dissipare i sospetti di doping, la persona accusata viene informata sul procedimento e che probabilmente le verrà comminata una sospensione provvisoria. Avrà quindi la possibilità di inoltrare un’ulteriore presa di posizione e mezzi di prova. La federazione sportiva nazionale è parte in causa.
  4. La persona incolpata riceve dalla CD la data per un’udienza in occasione della quale sarà interrogata e avrà la possibilità di esporre i propri argomenti. Tuttavia, in singoli casi si rinuncia all’udienza.
  5. In seguito, la decisione della CD verrà motivata per iscritto alle parti.
  6. Non appena la decisione della CD sarà disponibile, verrà pubblicata. La data di pubblicazione sarà comunicata alle parti. Si consiglia alla persona accusata di informare con la dovuta confidenzialità il proprio entourage (famiglia, componenti del personale di supporto, gli sponsor e i partner) in questo momento.
  7. Entro 21 giorni dalla notifica scritta della decisione motivata, la persona accusata potrà presentare un ricorso al TAS.

Alle parti sono concessi termini per l'esercizio dei loro diritti in quanto parti e possono estenderli con relativi motivi.

Prima istanza

La Camera disciplinare per i casi di doping di Swiss Olympic (CD) statuisce in prima istanza tutti i casi di doping. La CD si compone di 20 giudici (giuristi ed esperti medici), nominati dal Parlamento dello sport. All’apertura del procedimento la CD costituisce un collegio di tre esperti, scelti dal pool dei propri membri, che tratterà il caso. Antidoping Svizzera si costituisce attore. L’audizione delle persone accusate avviene in sede di udienza, dove possono presentare i propri argomenti e farsi patrocinare da un avvocato. Alle federazioni nazionali interessate sono conferiti i diritti di parte.

Seconda istanza

Le decisioni della CD possono essere impugnate presso il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna. Il ricorso può essere interposto sia dalle atlete e dagli atleti, che da Antidoping Svizzera, ma anche dalla federazione nazionale e internazionale nonché dall’AMA.

Sanzioni

Validità

A tutte le persone sanzionate per aver violato le norme antidoping viene interdetta qualsiasi attività connessa allo sport, quindi anche quella di allenatore e funzionario. Questo principio si applica in modo trasversale a tutte le discipline sportive e a tutte le nazioni soggette allo Statuto sul doping o al Codice mondiale antidoping.

Entità della sanzione

La sanzione standard per violazioni intenzionali implica la squalifica di quattro anni. Per le sostanze specificate vige una sospensione standard di due anni. Per infrazioni di grave entità o in casi di recidiva, la persona incolpata può subire la squalifica a vita. Se la persona incolpata può provare “l’assenza di colpa o negligenza significativa”, le norme in materia consentono, in singoli casi, l’applicazione di provvedimenti di clemenza limitandola a un ammonimento.